8-errori-da-evitare-su-facebook

8 errori da evitare su Facebook

Tutti noi usiamo quotidianamente Facebook, su cui passiamo varie ore al giorno, per informarci e curiosare. Utilizzarli a scopo professionale, però, è tutta un’altra musica. La pagina Facebook aziendale è un ottimo strumento per promuovere la tua attività, ma per sfruttarla al meglio devi avere una strategia ben precisa e conoscere bene il social network. Fare un errore di comunicazione su Facebook potrebbe compromettere la tua reputazione online, portandoti a perdere contatti e opportunità.

Per aiutarti ad evitare questo rischio, ho selezionato per te 8 errori da evitare su Facebook. Vediamoli subito:

 

  •   1 Usare il profilo e non la pagina. C’è una bella differenza tra il profilo privato di Facebook e la pagina aziendale. Ho elencato tutte le differenze in un articolo che trovi quì. In questo caso mi limito a dirti che se usi il profilo privato per promuovere la tua attività stai violando le condizioni d’uso di Facebook. Questo vuol dire che quando Facebook se ne renderà conto non ci penserà due volte a chiudere il tuo profilo professionale e sarai un “sorvegliato speciale”.

 

  •    2 Invitare i tuoi amici a mettere like. Questa operazione che Facebook ti invita a fare sulla tua pagina è veramente deleteria. Serve solo ad umentare la vanity metric del numero dei like. In realtà con questa operazione aumenterai gli amici di Facebook, ma con persone probabilmente non in target. Accetteranno il tuo invito per non farti dispiacere oppure perchè pensano di aiutarti. In realtà difficilmente interagiranno con i tuoi post, proprio perchè la maggior parte di loro non sono il tuo cliente ideale.

 

  •    3 Pubblicare post con gli hashtag. Questo è un errore che può sembrare banale, ma in realtà denota poca conoscenza della piattaforma. Il social degli hashtag è Instagram, come è risaputo. Quante volte ti è capitato di fare una ricerca di hashtag su Facebook? Immagino mai. Semplicemente su Facebook gli hashtag non si usano, perchè non sono funzionali.

 

  •    4 Ignorare gli utenti. Non bisogna mai dimenticare che dietro lo schermo c’è una persona. Quando ricevi un commento o un messaggio è sempre buona educazione rispondere. Che sia un commento negativo, un complimento, un consiglio o un’opinione non lasciare mai cadere nel vuoto nessun tipo di considerazione. In fin dei conti quella persona che ti segue ha speso del tempo per scriverti, il minimo che tu possa fare è dargli la considerazione che si merita.

 

  •    5 Non curare la pagina. Quando un utente entra nella tua pagina è sempre bene accoglierlo in un luogo curato. Personalizzare la pagina con un’immagine di copertina che abbia una bella foto (non sgranata) magari esplicativa della tua attività, è un buon punto di partenza. Se vuoi sapere come adattare le fotografie per ottimizzarle per Facebook, quì trovi tutte le dimensioni social aggiornate al 2019. Anche le informazioni che inserisci nella pagina sono molto importante. Cerca di essere il più dettagliato possibile per permettere ai tuoi clienti di trovare con facilità ciò che cercano.

 

  •    6 Non sponsorizzare. Il famigerato algoritmo non aiuta la visibilità delle pagine, sopratutto dopo gli ultimi aggiornamenti. L’unico modo per ovviare a questo aspetto è fare pubblicità su Facebook. Le facebook Ads ti permettono di raggiungere direttamente il tuo potenziale cliente con contenuti di valore e interessanti. Questo aumenterà la tua notorietà, porterà like interessati alla tua pagina e potrai anche incrementare le visite al tuo sito web.

 

  •    7 Pensare solo a vendere. Le persone vanno su Facebook per passare il tempo, distrarsi e combattere la noia. Non sono lì per comprare. Uno degli errori più comuni è usare la pagina Facebook aziendale per vendere i propri prodotti o servizi. I social servono per socializzare, come dice il termine stesso. Sono il posto in cui puoi farti conoscere e interagire con i tuoi potenziali clienti. la vendita è solo una conseguenza indiretta. Quando le persone avranno conosciuto la tua attività, imparato cosa fai e visto chi sei, allora probabilmente decideranno di acquistare da te. Ma vendere su Facebook non è un processo così immediato e banale come molti credono.

 

  •    8 Postare saltuariamente. Per gestire una pagina aziendale Facebook non basta pubblicare un post ogni tanto quando si è colti dall’ispirazione. Bisogna avere una strategia ben delineata, creare contenuti di qualità e pubblicare con una certa regolarità. Una pagina Facebook aziendale il cui ultimo post risale a tre mesi prima, riflette una comunicazione poco curata e una scarsa attenzione ai propri clienti.

 

Come vedi gestire una pagina Facebook aziendale non è un’operazione così banale come molti credono. Gli aspetti a cui prestare attenzione sono davvero tanti. Per avere una gestione professionale serve molto tempo, conoscenze adeguate e continua formazione sulle novità. Questi sono alcuni degli errori da evitare su Facebookori più comuni che mi capita di notare tutti i giorni, anche su pagine aziendali che in realtà avrebbero un altissimo potenziale. Se vuoi una gestione professionale della tua pagina aziendale Facebook, io sono quì per aiutarti con il servizio di gestione social.