Il tono di voce del Brand: cos’è ed esempi

da | 10 Giugno 2024 | Sito web

Esiste quello caldo, quello freddo, quello neutro e persino quello colorato. Queste e altre (le scoprirai tutte) sono le sfumature che può avere il tono di voce di un brand per rendersi riconoscibile e autentico tra tanti altri.

Perché anche il tuo brand dovrebbe aver definito il suo e cosa c’entra con il tuo sito web, potrai scoprirlo in quest’articolo.

Che cosa significa ToV?

Il tono di voce, anche chiamato tone of voice o abbreviato in ToV, è l’identità verbale di un brand, personal brand o azienda.
Così come l’identità visiva trasmette graficamente la personalità e i valori di un business, il ToV è uno strumento di branding che fa trasparire l’essenza di un brand con le parole.

Determina il modo in cui i messaggi vengono trasmessi al pubblico e guida la percezione che si ha del marchio. Non è quindi un aspetto da sottovalutare perché è dalla sua definizione che, poi, si progetta l’intera strategia di comunicazione.

L’importanza del tono di voce del marchio

Avere una voce definita e distinguibile, soprattutto nell’affollato mondo online, è importante per comunicare con strategia e autenticità.

Se il brand parla al proprio pubblico con la giusta voce, acquista riconoscibilità ai suoi occhi e crea, con esso, un rapporto di fiducia. Scegliere le parole giuste per esprimere un messaggio, può portare il tuo brand più vicino al suo pubblico ideale. Il tono di voce aiuta, quindi, a definire la personalità del marchio e a renderlo memorabile.

I vantaggi di avere una voce del brand definita riguardano:

  • riconoscibilità del brand
  • differenziazione dai competitor
  • maggiore credibilità e fidelizzazione dei clienti
  • miglior posizionamento del brand sul mercato
  • coerenza con l’identità visiva
  • comunicazione chiara, attenta, (definita anche grazie alla realizzazione delle buyer persona).

Quanti tone of voice esistono?

Valentina Falcinelli, esperta di tono di voce e identità verbale nonché autrice del libro “Testi che parlano”, ha identificato 4 tipologie di ToV che a loro volta presentano alcune sfumature interne:

  • freddo (burocratico, istituzionale);
  • neutro (professionale, onirico);
  • caldo (amichevole, colloquiale);
  • colorato (ironico, aggressivo).

ToV freddo

È estremamente formale, utilizza parole tecniche, un lessico più articolato e per questo è adatto a contesti di tipo burocratico e istituzionale (es. istituti bancari, enti pubblici).

ToV neutro

A metà tra il tono caldo e il tono freddo, il ToV neutro è professionale ma meno formale. È autorevole ma più vicino al pubblico rispetto al tono burocratico e istituzionale.

ToV caldo

È amichevole, informale. Trasmette le informazioni in modo chiaro e diretto facendo sentire il pubblico compreso e a suo agio.

ToV colorato

Il tono di voce colorato fa dell’ironia (e la provocazione nella sua sfumatura aggressiva) il suo punto forte, giocando con parole e modi di dire per stuzzicare il suo pubblico e attirare la sua attenzione.

Esempi di brand con un forte tono di voce

Ti mostro di seguito alcuni esempi di comunicazione della marca ben studiata e coerente e che proprio per questo motivo si distingue dalla concorrenza.

Insulti Luminosi è un brand di scritte a led personalizzate e irriverenti. Con il loro tono ironico si presentano così sul loro sito:

Taffo Funeral Services è ormai famoso per il suo tono social aggressivo e cinico, insolito per un settore delle imprese funebri.

Agenzia Stanca è invece una community che condivide con ironia gli inglesismi e i modi di dire utilizzati nel mondo del lavoro digitale.

Come trovare il tone of voice che rappresenta il tuo brand

Come avrai notato dagli esempi che ti ho mostrato, se definisci in modo efficace l’identità verbale, il tuo brand sarà in grado di differenziarsi da tutti i competitor e di diventare così unico e memorabile da entrare nella mente del tuo pubblico.

Ma come si definisce il tono di voce di un brand? Iniziando da queste domande:

  • Chi è il tuo cliente ideale? (Se ancora non l’hai individuato puoi farlo scaricando il mio freebie)
  • Quali sono i valori del tuo brand?
  • Quali sono la tua mission e la tua vision?
  • Come desideri che venga ricordato il tuo marchio?
  • Preferisci comunicare più con un tono formale o informale? (Ti aiuterà a comprendere se optare per un tono freddo o più caldo)
  • In che modo comunicano i tuoi competitor?
  • Quali sono le parole che ti rappresentano e quali invece non utilizzeresti mai?

Quando avrai ben chiaro tutti questi aspetti potrai stilare una guida che contenga gli elementi che guidano il tuo business (target, mission, vision, valori, ecc.) e tutte le informazioni sullo stile di comunicazione del tuo brand (sfumatura del ToV, parole da utilizzare e quelle da evitare).

Questo ti permetterà di avere una comunicazione sempre coerente su tutti i tuoi canali e di avere un manuale pronto da condividere con le persone con cui andrai a collaborare per i tuoi testi, grafiche, sito web, ecc.

La relazione tra tono di voce e sito web

In comunicazione ogni parola, verbo e punteggiatura trasmette un messaggio e una sensazione precisi in chi legge, così come lo fanno il logo, i font, i colori, le forme e le immagini.

E il sito web è proprio un insieme di tutti questi elementi che andranno poi a comporre l’immagine completa di un brand (in un altro articolo ti spiego perché devi avere un sito web).
Se il risultato della somma tra identità verbale e visiva di un brand non è armonioso, c’è un problema di incoerenza tra ciò che comunica e come lo comunica.

Ogni colore, font, bottone per le call to action, l’aspetto che decidi di dare al tuo sito web, tutto deve essere fedele alla voce del tuo brand.

Ora che conosci l’importanza del tone of voice per il tuo brand e da cosa iniziare, definirai la guida per renderlo inimitabile? Immaginavi che il tone of voice fosse tanto importante da influenzare anche identità del tuo sito web?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stefania Insidetheweb realizzazione siti web
Chi sono

Ciao mi chiamo Stefania e sono una web designer freelance.

Sono di origine Toscana, ma vivo a Rosate, un paesino in provincia di Milano. Nel mio lavoro non ci sono distanze che mi fermano: lavoro da remoto con clienti in tutta Italia.

Non stai vendendo quanto vorresti? Scopri se il tuo sito attira il tuo cliente ideale!

Categorie

Ultimi articoli

Potrebbero interessarti anche:

Cosa fare dopo aver messo online il sito web

Cosa fare dopo aver messo online il sito web

  Spesso di pensa che una volta che il sito internet è stato realizzato ed è finalmente online, i risultati arrivino senza alcun tipo di sforzo. Purtroppo non è proprio così. Il sito è uno strumento di lavoro, ma solo sfruttando al massimo le sue potenzialità...

Cosa serve per realizzare un sito web di successo

Cosa serve per realizzare un sito web di successo

    Se hai mai sognato di creare il tuo sito web o di rinfrescarne uno già esistente, sei nel posto giusto. Nel mondo digitale di oggi, un sito web è il biglietto da visita online della tua attività o del tuo progetto personale. È un modo per far conoscere...

Sito web fai da te: errori da evitare

Sito web fai da te: errori da evitare

  Nei miei 6 anni di lavoro come web designer ho visto davvero migliaia e migliaia di siti. Infatti ogni volta che mi approccio a un nuovo progetto, uno dei passaggi fondamentali è l’analisi del mercato di riferimento della mia cliente. Oggi, infatti, grazie a...

Hai una domanda?
Invia su WhatsApp