Perchè il tuo logo deve essere in vettoriale | Insidetheweb
avere-logo-vettoriale-logotipo-professionale-brand-identity

Perchè il tuo logo deve essere in vettoriale

Spesso mi capitano clienti che: “no no, il logo ce l’ho già! Ti mando la foto così la inserisci nel sito.”
In queste situazioni non è sempre semplice spiegare che il logo in foto, cioè in formato .jpg non basta.

Quindi se anche tu sei tra le persone che hanno il logo, ma non nel formato vettoriale, ti consiglio di continuare la lettura.

PER INIZIARE

Le immagini digitali possono essere di due tipologie: raster e vettoriali.

Le immagini raster sono quelle fotografiche nei formati .jpg, .png, .tiff o .gif. Sono composti da quadratini minuscoli (i pixel) che con le sfumature di colore, vanno a comporre l’immagine digitale. Nelle fotografie la presenza dei pixel permette di catturare qualsiasi dettaglio. Il problema si presenta quando si ha la necessità di modificare la dimensione dell’immagine. Hai mai provato a zoomare su una foto? Hai presente quella sgranatura fastidiosa? Quello è l’effetto pixellato caratteristico delle immagini raster.

Le immagini vettoriali sono prodotte nei formati .ai, .eps. o .pdf. Sono create da punti, linee, curve ed elementi geometrici. Questo fa sì che ingrandendo all’infinito un’immagine vettoriale non risulti sgranata, ma rimanga definita.

PER COSA VIENE USATO IL FORMATO VETTORIALE?

Viene usato dal graphic designer per diverse realizzazioni come:

Creazione loghi
• Creazione immagine coordinata
• Illustrazioni
• Icone
Biglietti da visita
• Manifesti
• Volantini e brochures

PERCHE’ IL TUO LOGO DEVE ESSERE IN VETTORIALE?

Il logo, che è l’elemento riconoscitivo della tua azienda o attività, deve essere trattato con rispetto, in quanto rappresenta te e la tua professionalità. Il formato vettoriale ti permette di poterlo usare nel modo che più ritieni opportuno per la tua promozione.

Puoi farlo diventare piccolo piccolo e inserirlo come firma nelle tue produzioni oppure ingigantirlo per fare un manifesto ad un evento. Puoi utilizzarlo per personalizzare tazze, magliette, penne. Per il tuo biglietto da visita, la brochure oppure l’adesivo. Puoi sbizzarrirti come vuoi, mantenendo sempre i dettagli ben visibili.

QUAL E’ LA SOLUZIONE SE NON HAI IL LOGO IN VETTORIALE?

Beh, niente paura! Hai 3 soluzioni per il tuo logo:
1. Chiedere il formato vettoriale al graphic designer o azienda che ti ha realizzato il logo, se non sono passati troppi anni o se siete rimasti in contatto.

2. È possibile convertire un’immagine raster in vettoriale, ma non è sicuramente la soluzione ideale. I software con cui è possibile realizzare la vettorializzazione portano comunque ad una marcata perdita dei dettagli. Quindi in questo caso la soluzione è ricostruire il logo. In base alla complessità del logo stesso, però, l’investimento economico potrebbe essere più alto del previsto.

3. Se hai un logo creato amatorialmente, dovresti pensare se questo comunica ai tuoi clienti ciò che vuoi dire tu, se ti rappresenta a pieno. Se così non fosse puoi farti realizzare un logo ad hoc da un professionista.
Ad esempio, se ti piacciono le realizzazioni che trovi nel mio portfolio, puoi contattarmi per studiare insieme la strada migliore da percorrere per far sì che il tuo logo sia professionale.

Intanto ti ringrazio per aver letto fin qui. Spero che l’articolo ti sia stato utile. Se non vuoi perderti nessuno dei miei articoli (e altre cose carine), ti invito ad iscriverti alla newsletter!