Ottimizzare le immagini per il sito web: come e perché farlo

da | 6 Ottobre 2021 | Sito web

Come ottimizzare le immagini per il sito WordPress

Un sito web impeccabile dovrebbe avere testi chiari e coinvolgenti, e immagini che gli facciano da cornice.

Aiutano a esprimere la tua personalità e rendono il tuo spazio online più accattivante visivamente.

C’è però anche il rovescio della medaglia. Se non sai come ottimizzarle infatti, il tuo sito potrebbe avere problemi importanti.

In questo articolo ti darò tutte le informazioni necessarie per gestire le immagini nel modo giusto senza che il tuo sito ne paghi le conseguenze.

Ottimizzare le foto: quali sono i vantaggi

Rendere le immagini più performanti per il sito internet vuol dire scegliere il giusto formato, ridurre il peso della foto e caricarla della dimensione adeguata.
È vero che richiede un po’ di tempo, ma ne vale la pena perché ha i suoi benefici:

  • Potenzi la velocità di caricamento del sito. Un aspetto molto importante perché un sito web lento non piace a nessuno. Il tuo potenziale cliente non aspetta che si caricano le pagine web, ma cerca le informazioni di cui ha bisogno da un tuo competitor. Inoltre, fattore da non sottovalutare, non piace nemmeno a Google!
  • Migliori il posizionamento seo. Immagini seo ottimizzate possono essere fonte di traffico perché ti aiutano ad attirare l’attenzione del tuo cliente che fa una ricerca per immagini su Google.
  • Perfezioni l’esperienza utente. Le immagini aiutano a capire meglio il messaggio e facilitano la leggibilità senza “muri” interminabili di solo testo.

Quali foto puoi utilizzare?

Quando si scelgono le immagini da pubblicare, la domanda che tutti ci poniamo è: “Posso scaricare e pubblicare immagini trovate su Google o Pinterest?”.

La risposta è no!

Le immagini, come tutto ciò che viene creato sia offline che online, sono coperte dal diritto di Copyright. Per il tuo sito puoi usare solo 2 tipologie di immagini:

  1. Foto scattate da te o da un fotografo professionista. Quest’ultima in particolare è la soluzione migliore soprattutto se si tratta di un fotografo specializzato in personal branding o in fotografia di e-commerce, se vendi prodotti. La qualità dell’immagine sarà alta e in linea con il tuo brand.
  2. Foto di stock. È l’opzione giusta per chi desidera foto di qualità ma non è abile con la fotografia, o non ha il budget per affidarsi ad un professionista.
    Nella scelta però bisogna fare attenzione alle condizioni di utilizzo delle immagini. Ci sono siti che permettono di usare le immagini in totale libertà, altri che ti consentono di usarle citando però la fonte.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le mie lettere digitali con consigli, riflessioni, dietro le quinte e sconti esclusivi! In più potrai ricevere il corso gratuito che ti aiuterà a capire cosa puoi ottimizzare nel tuo sito per renderlo uno strumento di lavoro che ti avvicina ai tuoi obiettivi di business.

Ottimizzare immagini in 3 step

Ora sai perché è un bene per il tuo sito WordPress avere immagini performanti e quali sono le scelte migliori. Ma cosa bisogna fare prima di pubblicarle?
Sono 3 i passaggi fondamentali per ottimizzare le foto e avere un sito web efficace e veloce.

1. Ridimensiona le immagini per WordPress

In base allo spazio da occupare le dimensioni dell’immagine cambiano:

  • l’immagine in evidenza, che occupa tutta la pagina web, sarà di 1920px per 1280px;
  • l’immagine da inserire in una piccola sezione potrebbe occupare 600px per 800px.

Caricare una foto di dimensioni maggiori è inutile e controproducente.

Per ridimensionare le immagini puoi usare Photoshop della suite Adobe, o programmi gratuiti alternativi come Gimp. Inoltre, puoi trovare online moltissimi siti per ridimensionare le immagini in modo gratuito senza dover installare alcun programma.

2. Scegli il formato giusto

Le foto adatte per il web sono fondamentalmente 3:

1. Jpeg, il più usato e famoso. Genera un’alta compressione dell’immagine che riduce la dimensione del file.
Il segreto? Il formato jpeg, o jpg, altera i dati originali della fotografia eliminando i colori ritenuti superflui e riducendo la scala cromatica.
Per questo motivo, mentre salvi le immagini jpeg su Photoshop fai attenzione a non ridurre troppo il peso perché perderebbe di qualità.
2. Png, un formato che permette di avere un’immagine con lo sfondo trasparente. Il tipo di compressione in questo caso è meno aggressiva rispetto al jpeg. Le informazioni originali non vengono alterate quindi il file risulta più pesante.
3. Gif. Anche lui mantiene la trasparenza ma è da utilizzare per immagini con una scala cromatica molto ridotta. Come ci insegnano i social, questo formato è utilizzato soprattutto per immagini animate.

Esistono anche altri formati, come JPEG XR e WebP, ma non sono supportati da tutti i browser. Questo vuol dire che utilizzandoli sul tuo sito rischi che ad esempio siano visibili da Google Chrome, ma chi visita il tuo sito da Safari troverà solo uno spazio bianco. Per questo motivo ti sconsiglio di utilizzarli.

3. Comprimi le immagini

L’ultimo passaggio riguarda la compressione, utile per ridurre il peso della foto.

Io utilizzo sempre TinyPNG, un servizio online gratuito in cui puoi caricare l’immagine trascinandola e scaricarla già compressa.
Utilizza una tecnica di compressione intelligente con una perdita selettiva dei colori. Per dirlo in parole povere: l’immagine viene compressa quindi risulta più leggera ma la qualità della fotografia rimane ottima. In più puoi caricare fino a 20 immagini contemporaneamente così potrai ridurre il tempo del tuo lavoro.

Un’alternativa a TinyPNG ce la dà WordPress con il suo plugin gratuito Wp Smush. Lo installi in pochi step sul tuo sito WordPress, ed è in grado di ridurre le dimensioni e comprimere le immagini caricate. In un solo gesto ottimizza le immagini in modo automatico.

Lo stesso processo può effettuarlo su immagini che sono già presenti sul tuo sito così non dovrai caricarle una seconda volta nella nuova versione ottimizzata.

Sapevi che le immagini hanno bisogno di tutte queste attenzioni? Esegui già tutti questi passaggi prima di caricare le immagini sul tuo sito web?

Insidetheweb-Stefania-creazione-siti-web
Chi sono

Ciao mi chiamo Stefania e sono una web designer freelance.

Sono di origine Toscana, ma vivo a Rosate, un paesino in provincia di Milano. Nel mio lavoro non ci sono distanze che mi fermano: lavoro da remoto con clienti in tutta Italia.
Categorie
Ultimi articoli

Potrebbero interessarti anche:

Differenza tra WordPress.com e WordPress.org

Differenza tra WordPress.com e WordPress.org

Durante le call conoscitive con le mie potenziali clienti spiego sempre loro che per la creazione dei siti utilizzo Wordpress, ovvero uno dei CMS più conosciuti e affidabili. Noto però delle perplessità quando specifico che esistono due varianti: Wordpress.com e...

Perché aprire un blog per la tua attività

Perché aprire un blog per la tua attività

Il blog è uno strumento molto importante per il tuo business, se sai bene come sfruttarlo a tuo favore. Parlando con le mie clienti che vogliono portare online la loro attività, ho notato però che non è sempre chiara la potenzialità del blog. Per questo motivo ho...

2 Commenti

  1. Sara

    Ma io ti amooooo! Devo fare il lavoro sulle immagini già caricate e quel plugin mi salverà.

    Rispondi
    • Stefania

      Sono felicissima Sara che l’articolo ti sia stato d’aiuto! Il tema dell’ottimizzazione delle immagini è tanto importante quanto sottovalutato. Sicuramente è un bel vantaggio poter utilizzare un unico strumento per sistemare le immagini già presenti sul sito!

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *