Come usare le call to action sul tuo sito

da | 26 Agosto 2020 | Web design

come-usare-le-call-to-action

Cos’è una Call To Action?

Clicca qui” oppure “Leggi tutto”: questi sono due dei più classici esempi di call to action o cta.

La traduzione letterale dall’inglese è “chiamata all’azione”, ovvero una breve frase con la quale indichi un percorso da seguire alle persone che visitano il tuo sito. La call to action è l’amica che ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi online.

In questo modo chi visita il tuo sito sa esattamente cosa deve fare, in modo inequivocabile, per raggiungere le informazioni o la soluzione che cerca. Puoi suggerire ai tuoi visitatori moltissime cose da fare:

  • Iscriversi alla newsletter
  • Seguirti sui social
  • Chiedere maggiori informazioni
  • Leggere altri articoli del tuo blog
  • Scaricare il freebie
  • ….

Ogni giorno i nostri occhi incontrano una miriade di call to action, alcune più “violente” altre più delicate, che sono presenti sia sui siti che visitiamo che nei profili social delle nostre persone preferite. Perché una chiamata all’azione sia efficace, quindi porti alla conversione, deve avere delle caratteristiche specifiche che la rendono ben visibile, inequivocabile e coinvolgente. Ma prima di parlare di come strutturare la tua cta bisogna capire quale call to action sia più efficace usare.

Quali tipi di Call To Action usare?

Dal punto di vista grafico le cta possono essere:

  • Semplici link
  • Bottoni
  • Banner con scritte e immagini
  • Pop up che appaiono sulla pagina web

Dal punto di vista, invece, strategico la chiamata all’azione può essere:

  • Un link interno che rimanda ad altre pagine già presenti sul sito (la pagina dei contatti, uno specifico servizio, un articolo di approfondimento che hai già scritto in precedenza);
  • Un link esterno che rimanda a contenuti esterni al sito: iscrizione alla newsletter, un video su YouTube, un link di un altro sito;
  • Un’ancora ovvero un link che rimanda ad una parte specifica della stessa pagina.

Ora che sai quali tipi di call to action esistono, puoi scegliere quella più efficace per raggiungere il tuo obiettivo.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le mie lettere digitali con consigli, riflessioni, dietro le quinte e sconti esclusivi! In più potrai ricevere il corso gratuito che ti aiuterà a capire cosa puoi ottimizzare nel tuo sito per renderlo uno strumento di lavoro che ti avvicina ai tuoi obiettivi di business.

Come strutturare una CTA efficace.

La call to action deve attirare l’attenzione di chi visita il tuo sito, quindi deve essere riconoscibile , ben visibile e chiara.
Ecco alcuni consigli per rendere la tua call to action davvero efficace:

  • Scrivi in modo chiaro quale azione dovrebbe compiere il lettore.
  • Scegli una grafica che sia inequivocabile da capire. Utilizza i colori e font della tua paletta, ma evita il grigio troppo chiaro che nel linguaggio del web indica un elemento inattivato.
  • Utilizza micro movimenti per rendere l’esperienza utente più piacevole.
  • Crea un bottone di grandi dimensioni, distanziato dal resto del testo e ottimizzato per mobile.
  • Ricorda di lasciare il giusto spazio all’interno del bottone in modo che sia più facilmente cliccabile.
  • Imparare a creare un micro copy efficace è ciò che farà realmente la differenza e ti aiuterà a creare conversioni.
  • Non limitare la tua attenzione al bottone.Ricorda di scrivere un testo prima del bottone in cui spieghi al lettore cosa troverà una volta cliccato sul link.

Dove inserire la call to action?

All’interno di una pagina web consiglio sempre di usare una call to action principale e al massimo un’altra secondaria.

La call to action principale rappresenta l’obiettivo primario della pagina, ad esempio l’acquisto di un prodotto oggi un servizio.

La call to action secondaria riguarda l’obiettivo minore della pagina, come la richiesta d’informazioni o la condivisione sui social.

È sempre meglio non obbligare a fare uno scroll troppo prolungato prima di arrivare a una call to action. Infatti costringere ad arrivare fino in fondo alla pagina prima di trovare il pulsante acquista ora, può ridurre in modo significativo la conversione.

Se ciò che offri è un prodotto un servizio semplice e non richiede il bisogno di avere molte informazioni a riguardo, può inserire la call to action all’inizio della pagina. Sì invece il servizio o prodotto che offre ha bisogno di molte spiegazioni e informazioni meglio inserire la call to action Un po più giù in modo che il tuo potenziale cliente posso ricevere almeno le prime informazioni utili.
In generale ti consiglio d’inserire almeno due call to action principali nelle pagine del tuo sito web.

Esempi di call to action:

  • Acquista ora
  • Continua a leggere
  • Iscriviti ora per scaricare la guida in regalo
  • Chiedi il preventivo che ti cambierà la vita
  • Iscriviti gratuitamentePer avere tutte le offerte

Queste indicazioni ci aiuteranno a strutturare call to action efficaci, ma ricordati sempre di testare i risultati. In questo modo potrai capire quale grafica e quale copy funziona meglio per la sua attività e per il tuo cliente ideale.

Sarei molto curiosa di sapere se sul tuo sito utilizzi già tutte queste attenzioni oppure se hai scoperto qualche informazione in più che ti è utile per ottimizzare il tuo sito e renderlo più efficace. Scrivimi nei commenti per farmelo sapere e non dimenticare d’iscriverti alla lista d’attesa del mini corso gratuito chi ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito web fin da subito.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le mie lettere digitali con consigli, riflessioni, dietro le quinte e sconti esclusivi! In più potrai ricevere il corso gratuito che ti aiuterà a capire cosa puoi ottimizzare nel tuo sito per renderlo uno strumento di lavoro che ti avvicina ai tuoi obiettivi di business.

Salva questo articolo su Pinterest

Come-usare-le-call-to-action-pinterest
Come-usare-le-call-to-action-pinterest
Come-usare-le-call-to-action-pinterest
Come-usare-le-call-to-action-pinterest
Insidetheweb-Stefania-creazione-siti-web
Chi sono

Ciao mi chiamo Stefania e sono una web designer freelance.

Sono di origine Toscana, ma vivo a Rosate, un paesino in provincia di Milano. Nel mio lavoro non ci sono distanze che mi fermano: lavoro da remoto con clienti in tutta Italia.
Categorie

Categorie

Ultimi articoli

Potrebbero interessarti anche:

Le 4 grandi differenze tra sito mobile e sito desktop

Le 4 grandi differenze tra sito mobile e sito desktop

Avere un sito web responsive è di fondamentale importanza visto che i cellulari sono diventati un prolungamento del nostro corpo. Questo vuol dire che passiamo molto tempo navigando online da cellulare alla ricerca di qualsiasi informazione.   Un sito web...

Sapevi che la homepage è la stella polare del tuo sito?

Sapevi che la homepage è la stella polare del tuo sito?

“Le homepage è come la stella polare. Poter fare click su home permette di ricominciare da capo” quando si è persi in un mare di informazioni sconnesse. Così la definisce Steve Krug nel libro Don’t make me think, che più che un semplice libro è una vera e propria...

Cosa vuol dire avere un sito responsive

Cosa vuol dire avere un sito responsive

Mi capita ancora troppo spesso di vedere siti che sono totalmente illeggibili e non navigabili dai dispositivi mobili. E mi chiedo come sia possibile. Per il mio modo di lavorare trovo che questa sia una violenza verso il sito web, una mancanza di rispetto nei...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mi chiamo Stefania e sono una web designer freelance:  aiuto libere professioniste, piccole imprenditrici e donne creative, realizzando il sito web che le rispecchia al meglio ma che parli dritto al cuore dei loro clienti.