Cosa vuol dire avere un sito responsive

da | 19 Agosto 2020 | Web design

cosa-vuol-dire-avere-sito-responsive-insidetheweb
Mi capita ancora troppo spesso di vedere siti che sono totalmente illeggibili e non navigabili dai dispositivi mobili. E mi chiedo come sia possibile.

Per il mio modo di lavorare trovo che questa sia una violenza verso il sito web, una mancanza di rispetto nei confronti dei potenziali clienti e ancor più per l’immagine del brand.

Un’attività, grande o piccola che sia, non può presentarsi al meglio senza un sito responsive: si dimostra non aggiornata, poco curata e non professionale. La prima impressione che si fanno i potenziali clienti che visitano un sito da mobile senza trovarlo responsive è decisamente negativa. Cosa dovrebbe trattenerli su un sito in cui non riescono a leggere i testi e vedere le immagini, per non parlare della difficoltà a cliccare sui bottoni?

Semplicemente nulla.

Per questo motivo l’ottimizzazione responsive del sito non è più una scelta.

 

Cosa vuol dire avere un sito responsive?

 

Wikipedia definisce il design responsive come:

 “Il design responsivo o responsive web design (RWD), indica una tecnica di web design per la realizzazione di siti in grado di adattarsi graficamente in modo automatico al dispositivo coi quali vengono visualizzati (computer con diverse risoluzioni, tablet, smartphone, cellulari, web tv), riducendo al minimo la necessità dell’utente di ridimensionare e scorrere i contenuti.”

Un sito internet è responsive quando visto dal cellulare o dal tablet non c’è la necessità di zoomare per poter leggere i contenuti o per poter vedere le immagini in modo nitido. I contenuti si adattano perfettamente allo spazio, i bottoni sono facili da cliccare e le informazioni si trovano comodamente.

In sostanza un sito web responsive mantiene la stessa esperienza utente confortevole sia da desktop che da mobile.

È come il vestito di Cenerentola che da sporco e stracciato per fare le faccende di casa in una situazione di schiavitù, si trasforma nel più bel abito dei sogni in occasione del ballo a palazzo, con l’aiuto della fata madrina.

Il tuo sito è come quel vestito che deve cambiare in base alla situazione o, per meglio dire, in base al dispositivo su cui si trova. Il web designer, in questo caso io, è la fata che permette questa magia.

In realtà non c’è alcuna magia. Il design responsive viene studiato in base alle dimensioni del dispositivo, alle esigenze del target, all’obiettivo del sito web e realizzato con specifici linguaggi. Alcuni elementi possono essere ingranditi nella visualizzazione da mobile per non costringere il lettore a zoomare, mentre altri elementi possono essere totalmente sostituiti in modo da mantenere una navigazione confortevole e un’esperienza utente piacevole.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le mie lettere digitali con consigli, riflessioni, dietro le quinte e sconti esclusivi! In più potrai ricevere il corso gratuito che ti aiuterà a capire cosa puoi ottimizzare nel tuo sito per renderlo uno strumento di lavoro che ti avvicina ai tuoi obiettivi di business.

Differenza tra responsive ed adaptive

Il sito web responsive richiede l’inserimento di codice specifico che, tramite fogli di stile, permette agli elementi del sito di adattarsi in base alla risoluzione su cui vengono visualizzati. In questo caso quindi esiste una sola versione del sito che si modifica automaticamente in base allo spazio del dispositivo.

Un sito adaptive, invece, richiede la realizzazione di layout diversi in base al dispositivo dal quale viene visualizzato il sito. Ogni layout viene caricato su un dominio diverso che verrà visualizzato sul dispositivo corrispondente: viene realizzato, ad esempio, un layout per il cellulare che sarà visualizzato quando il server riconosce la risoluzione del dispositivo, attivando il dominio m.tuosito.it . In questo caso dovranno essere creati e realizzati layout diversi per la visualizzazione dal desktop, da cellulare e tablet. Oltre a questo, sarà necessario avere anche domini diversi su cui caricare i tre diversi layout.

Perchè dovresti avere un sito responsive

1. Migliora il posizionamento:

dal 2015 Google ha applicato la politica mobile first. Con questa il motore di ricerca premia i siti web responsive migliorando il loro posizionamento rispetto a quelli non responsive. Questo avviene grazie al fatto che i siti responsive hanno lo stesso codice HTML e CSS su qualsiasi dispositivo si trovano quindi per Google è molto più semplice ed efficace indicizzarli.

2. Ottimizza l’esperienza utente:

ormai il cellulare è diventato un prolungamento del nostro corpo. Lo utilizziamo per cercare qualsiasi informazione, in qualsiasi momento, da qualsiasi luogo. Avere un sito web responsive permette il tuo potenziale cliente di poter scoprire i tuoi servizi e acquistare prodotti con più facilità. Il tuo sito renderà esperienza utente piacevole e il tuo potenziale cliente tornerà volentieri ad acquistare da te. Inoltre, l’obiettivo di Google è “offrire agli utenti I risultati più pertinenti ho una eccellente esperienza”. Infatti, da quando gli sviluppatori del motore di ricerca hanno capito lo stretto rapporto che si è creato tra le persone e il cellulare, hanno deciso di dare maggior rilevanza ai siti web che permettono di avere un’esperienza utente ottima. Quindi ottimizzare l’esperienza utente ti porterà anche molti vantaggi dal punto di vista seo.

3. Dimostri la tua serietà:

con un sito web responsive dimostri di essere una professionista seria, moderna e di essere attenta alle esigenze il tuo cliente. È l’occasione per fare la tua ottima prima impressione dimostrando fin da subito la tua voglia di prenderti cura del tuo cliente, ascoltando le sue necessità.

4. Eviti di perdere clienti:

con un sito responsive eviti che il tuo potenziale cliente abbandoni il sito per andare dalla concorrenza che magari ha semplicemente un sito in cui è più facile acquistare perché i bottoni sono più facilmente cliccabili oppure le informazioni si leggono meglio.

I vantaggi di avere un sito web responsive sono davvero tantissimi e possono incidere in maniera notevole anche sulle tue vendite. Ma ora tocca a te: non restare più ferma a guardare il tuo competitor crescere! È l’ora di agire e migliorare la tua presenza online!

Iscriviti alla newsletter

Riceverai le mie lettere digitali con consigli, riflessioni, dietro le quinte e sconti esclusivi! In più potrai ricevere il corso gratuito che ti aiuterà a capire cosa puoi ottimizzare nel tuo sito per renderlo uno strumento di lavoro che ti avvicina ai tuoi obiettivi di business.

Salva questo articolo su Pinterest

Sito-responsive-Pinterest-Insidetheweb (2)
Sito-responsive-Pinterest-Insidetheweb (1)
Sito-responsive-Pinterest-Insidetheweb (4)
Sito-responsive-Pinterest-Insidetheweb (3)
Insidetheweb-Stefania-creazione-siti-web
Chi sono

Ciao mi chiamo Stefania e sono una web designer freelance.

Sono di origine Toscana, ma vivo a Rosate, un paesino in provincia di Milano. Nel mio lavoro non ci sono distanze che mi fermano: lavoro da remoto con clienti in tutta Italia.
Categorie
Ultimi articoli

Potrebbero interessarti anche:

Le 4 grandi differenze tra sito mobile e sito desktop

Le 4 grandi differenze tra sito mobile e sito desktop

Avere un sito web responsive è di fondamentale importanza visto che i cellulari sono diventati un prolungamento del nostro corpo. Questo vuol dire che passiamo molto tempo navigando online da cellulare alla ricerca di qualsiasi informazione.   Un sito web...

Sapevi che la homepage è la stella polare del tuo sito?

Sapevi che la homepage è la stella polare del tuo sito?

“Le homepage è come la stella polare. Poter fare click su home permette di ricominciare da capo” quando si è persi in un mare di informazioni sconnesse. Così la definisce Steve Krug nel libro Don’t make me think, che più che un semplice libro è una vera e propria...

Come usare le call to action sul tuo sito

Come usare le call to action sul tuo sito

Cos’è una Call To Action? “Clicca qui” oppure “Leggi tutto”: questi sono due dei più classici esempi di call to action o cta. La traduzione letterale dall’inglese è “chiamata all’azione”, ovvero una breve frase con la quale indichi un percorso da seguire alle persone...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mi chiamo Stefania e sono una web designer freelance:  aiuto libere professioniste, piccole imprenditrici e donne creative, realizzando il sito web che le rispecchia al meglio ma che parli dritto al cuore dei loro clienti.